Reggio Calabria
 

Ritorna in libertà l'ex sindaco di Melito Porto Salvo, Gesualdo Costantino

costantino gesualdo500di Angela Panzera - Scarcerato Gesualdo Costantino, l'ex sindaco di Melito Porto Salvo arrestato per associazione mafiosa nell'ambio della maxi operazione conto la cosca Iamonte denominata "A.D.A." messa in piedi dalla Procura antimafia reggina nel febbraio del 2013. Il Tribunale della Libertà ha infatti accolto il ricorso avanzato dai difensori Pietro Madafferi e Ettore Aversano. Adesso Costantino affronterà da uomo libero il processo di primo grado attualmente in corso dinnanzi al Tribunale Collegiale reggino. Con l'operazione "A.D.A." e con la successiva denominata "Sipario", i Carabinieri del comando provinciale,su coordinamento della Dda, fecero finire in manette 65 persone molte delle quali accusate di far parte della potente cosca Iamonte operante a Melito Porto Salvo e territori limitrofi.

Ai domiciliari, con l'accusa di concorrenza illecita, falso, abuso d'ufficio e turbativa d'asta, tutti reati aggravati dalle modalità mafiose, finì anche Giuseppe Iaria, l'ex sindaco di Melito il cui mandato era precedente a quello di Costantino. Anche Iaria, come Costantino, si trova sotto processo con l'accusa di associazione mafiosa. Per gli inquirenti reggini infatti, le consultazioni amministrative, regionali, provinciali e comunali, che si sono succedute negli ultimi anni sono risultate essere state condizionate dall'intervento della cosca Iamonte.

Leggi anche:

Operazione "Sipario": arrestato anche ex sindaco di Melito Porto Salvo (RC)
http://ildispaccio.it/reggio-calabria/32666-operazione-sipario-arrestato-anche-ex-sindaco-melito-porto-salvo-rc

"Al Comune di Melito non si muoveva foglia senza volere Iamonte": De Rosa racconta
http://ildispaccio.it/dossier/98182-al-comune-di-melito-non-si-muoveva-foglia-senza-volere-iamonte-de-rosa-racconta

I "legami" e i "rapporti" tra Marco Minniti e l'ex sindaco imputato per 'ndrangheta
http://ildispaccio.it/dossier/62538-i-legami-e-i-rapporti-tra-marco-minniti-e-l-ex-sindaco-imputato-per-ndrangheta